IL NOSTRO ALBUM

Radici Sonore

Si intitola “Radici Sonore” l’album musicale inciso dal gruppo Folk La Vestesène.


ASCOLTA ORA

Il Nostro Album

Ascolta le tracce dell'Album del nostro gruppo Folkloristico "La Vestesène" intitolato "Radici Sonore".

SPOTIFY
TESTI DEI BRANI

Leggi i testi dei brani del nostro Album

VERSIONE – DIALETTO

Ia battenti, sona chitarra mia, sona chitarra mia soni a battenti, sona chitarra mia soni a battenti.

Li colpi giusti , lu sonator ti dà li colpi giusti, li colpi giusti sona, li colpi giusti sona chitarra mia.

Ruspigghiti dallu sonnu no cchjù durmire, ruspigghiti dallu sonnu no chhiù durmire, ca non ci dormi quanne, ca non ci dormi quanne, ca non ci dormi quannu c’avimma amari, ca non ci dormi quannu c’avimma amari.

C’avimma amari e non ci dormi quannu c’avimma amari nu letto di viole, nu lettu di viole ci lu faciti, li matarazzi e li cuscine di seta e li linzoli sono arracamati.

Arracamati e li cuperti sono di li vasi li toi, sono belli l’occhi toi e l’occhi toi belli son li fronni d’arburelli e l’occhi toi vivaci so li fronni di vammaci.

Rapilu belli, rapilu belli, rapilu belli ca t’avi da parlà t’ava dicere doi parole tinele a mende non ti scurdà, t’ava dicere doi parole tinele a mende non ti scurdà, t’ava dicere doi parole tinele a mende non ti scurdà.

Ia battenti sona chitarra mia soni a battenti, sona chitarra mia soni a battenti.

VERSIONE – ITALIANO

Suona chitarra mia, suona battente, suona chitarra mia, suona battente.

Le note giuste il musicista ti da le note giuste, le note giuste suona chitarra mia.

Risvegliati dal sonno non dormire più, non si dorme quando è periodo d’amore.

Non si dorme quando e periodo d’amore farete un letto di viole i materassi e i cuscini di seta con le lenzuola ricamate.

Ricamate sono le lenzuola e le coperte dei baci tuoi, sono belli gli occhi tuoi, e gli occhi tuoi belli sono foglie di alberelli e gli occhi tuoi vivaci sono foglie di bambacia.

Aprilo bella che doveva parlarti doveva dirti due parole ricordati, non dimenticare.

Suona battente, suona chitarra mia suona battente.

VERSIONE – DIALETTO

Giacumine steje senza fatiche, veste sembe pe giacche e cammise, non fatiche non sude e non lotte,tene la migghiere che feje la …

No no no no ù diche pecchè no ù sacce, no no no no ù diche pecchè no ù sacce (2 volte)

Pu marite steje sembe nervose iucchele, smanie e tire qualcose, la dumeneche e iesse no ù neghe au marite i tire na…

No no no no ù diche pecchè no ù sacce, no no no no ù diche pecchè no ù sacce (2 volte)

Se qualcune steje scandalezzète pecchè dice che stèche stucchète, non descute, però non l’adule, ma u manne a pigghiarle inde u …

No no no no u diche pecchè no u sacce, no no no, no u diche pecche no u sacce (2 volte)

Sta canzone eie nu poche peccande, non feje ninde ie u stesse la cande, se non te piece atturete i recchie e non decenne che eie na…

No no no no u diche pecchè no u sacce, no no no no u diche pecchè no u sacce (2 volte)

Si u sacce, la frutte te piece e pe mugghierete è rotte la pece, non facenne i cose all’andiche te mange i chelumbre e lasse la…

No no no no u diche pecchè no u sacce, no no no no u diche pecchè no u sacce (2 volte)

VERSIONE – ITALIANO

Giacomino che è senza lavoro veste sempre con giacca e camici, non lavora, non suda e non lotta e ha la moglie che fa la…

No no no, non lo dico perché non lo so, no no no, non lo dico perché non lo so (2 volte)

Col marito sta sempre nervosa grida, smania e tira qualcosa, la domenica lei non lo nega al marito gli tira la…

No no no, non lo dico perché non lo so, no no no, non lodico perché non lo so (2 volte)

Se qualcuno è scandalizzato perché dice che sono stoccato, non discuto però non l’adulo ma lo mando a prender nel …

No no no, non lo dico perché non lo so, no no no, non lo dico perché non lo so (2 volte)

Sta cancone è un po’ piccante non fa niente la canto lo stesso, se non ti piace tappati le orecchie, ma non dire che è una…

No no no, non lo dico perché non lo so, no no no, non lo dico perché non lo so (2 volte)

Si lo so la frutta ti piace, con tua moglie si è rotta la pace, non fare le cose all’antica ti mangi i fioroni e lasci la …

No no no, non lo dico perché non lo so, no no no non lo dico perché non lo so. (2volte)

VERSIONE – DIALETTO

Mei capate, vide che bella giovene m’ei capate. Ma quande è bbelle che me fa murije, la vocche spampanate face quanne parle, quilli labbre nzuccarate face quanne rire.

Si quanne rire, quilli labbre nzuccarate oi quanne rire, oi risvegliati, risvegliati dallu sonnu, ca non ci dormi quanne nui c’amma amari e nu lettu di viole ce l’avimma fare.

Ce l’avimma faie , nu lettu di viole ce l’avimma faie, li matarazzi e li cuscine di seta e li linzoli sono arracamati, ma la cuperta è di rose e viole.

Rose e viole, ma la cuperta è di rose e viole è belle, vole die è belle e cinghecende so li stelle ma da quanne m’hai amate tu me pare la cchjù bbelle.

Ca so iute a Napele apposte t’eje cattate na cose pe tè se sapisse quande me coste pe parlà na vote pe te.

E vuje durmite, la lune aggire u munne e vuje durmite, se la zetelle dorme lassela durmie ma se sta sveglia facitela affacciare ca quatte parole d’amore ce li voghe dice.

Ce le vogghje dice, quatte parole d’amore ce le vogghje di, ma nate e quatte ce le vogghje arraccuntaie, ma ie ta ame a te bella certezza penzire non tenghe pe alte amande..

E vuje durmite, la lune aggire u munne e vuie durmite, se la zetelle dorme lassela durmie ma si sta sveglia facitele affaccià che quatte parole d’amore ci le vogghie dice.

VERSIONE – ITALIANO

Mi son scelto, vedi che bella ragazza mi sono scelto, è così bella che mi fa morire, parla bene con la bocca, e quelle labbra dolci che ha quando ride.

Si quando ride, quelle labbra dolci che fa quando ride, o risvegliati dal sonno che non si dorme in periodo d’amore su un letto di viole dobbiamo stare.

Ci faremo un letto di viole, i materassi e i cuscini di seta,e le lenzuola sono ricamate e la coperta è di rose e viole.

La coperta di rose e viole belle, vuole Dio è bello e cinquecento son le stelle ma da quando mi hai amata tu per me sei la più bella, sono andato a Napoli apposta per comprare qualcosa per te, se sapessi quanto mi costa per parlare una volta con te.

E voi dormite, la luna gira il mondo e voi dormite, se la zitella dorme lasciatela dormire ma se sta sveglia fatela affacciare che qusttro parole d’amore gliele voglio dire,

gliele voglio dire quattro parole d’amore gliele voglio dire ma altre quattro gliele voglio raccontare, ma io ti amo a te bella certezza e pensiero non ho per un’altra amante.

VERSIONE – DIALETTO

Tàresine si bbèlle si càre quanne càmine cchiù bbèlle te fà

Tàresine si bbèlle si càre quanne càmine cchiù bbèlle te fa

Se te vùte e me fa nà rise cùsse è lu sègne ca màmme non c’è (2 volte)

T’appunde à mezzanotte t’aspette à la fundane Tàresi dammi la mano, la mano dell’amor (2 volte)

Tàresine si bbèlle si càre quanne càmine cchiù bbèllte fa (2 volte)

Se te vùte e me fa nà rise cùsse è lu segne ca mamma non c’è (2 volte)

Luì mo aiesce ù sòle comincia a rrambecà se no me pigghje a quessa donne ie mo meja mbecà (2volte)

Tàresine si bbelle si care quanne camine cchiù bbèlle te fa (2 volte)

Se te vute e me fai na rise cusse è lu segne ca mamma non c’è (2 volte)

Ie teje nà bbona armoneche la tènghe a votta bbasse Taresì fa nù fracasse u fracasse de l’amore (2 volte)

Figlia, figlia và a ballà mamma mamme non ce pozze sci che me manghe la scarpine nonce pozze cumbarì responne lù mòneche, responne lù mòneche, responne lù moneche la scarpine te la dèche ie.

E la mamme tutta prescete, la mamme tutta prescete, la mamme tutta prescete vete la figghje ascarpenete (2 volte)

Figlia figlia và a ballà mamma mamme non ce pozze sci che me manghe la mutande non ce pozze cumbarì responne lù mòneche, responne lù mòneche , responne lù mòneche la mutande te la deche ie.

E la mamme tutta prescete e la mamme tutta prescete la mamme tutta prescete vete la figghje ammutandete (2 volte)

Figlia figlia và a ballà mamma mamme non ce pozze sci che me manghe la suttane non ce pozze cumbarì responne lu mòneche responne lù mòneche responne lu mòneche la suttane te la deche ie,

e la mamme tutta prescete e la mamme tutta prescete la mamme tutta prescete vete la figghje assuttanete (2 volte)

fihlia figlia va a bllà mamma mamme non pozze sci che me manghe lu marite non ce pozze cumbarì responne lù mòneche responne lù mòneche responne lu mòneche u marite u fazze ie.

E la mamme tutta prescete e la mamme tutta prescete la mamme tutta prescete vete la figghje ammarerete (2 volte)

Figlia figlia va a ballà mamma mamme non ce pozze sci mo me manghe lu marite e po non pozze cumbarì responne lù mòneche, responne lù mòneche, responne lù mòneche u marite u fazze ie .

E la mamme tutta prescete, e la mamme tutta prescete e la mamme tutta prescete vete la figghja ammaretete. (2 volte).

VERSIONE – ITALIANO

Teresa sei bella e sei cara quando cammini diventi più bella, se ti giri e mi sorridi vuol dire che mamma non ti vede. Ti dò appuntamento a mezzanotte alla fontana teresa dammi la mano, la mano dell’amore.

Teresa sei bella e cara quando cammini diventi più bella, se ti giri e mi sorridi vuol dire che mamma non c’è. Ecco ora spunta il sole comincio a essere nervoso se non avrò questa donna io mi impiccherò

Teresa sei bella sei cara quando cammini diventi più bella se ti giri e mi sorridi vuol dire che mamma non c’è.

Io ho una buona armonica ce l’ho a tono basso, Teresa fa un fracasso, il fracasso dell’amor.

Figlia figlia vai a ballare, mamma mamma non ci posso andare perché mi mancano le scarpe e non posso comparire, risponde il monaco le scarpine te le do io.

La mamma tutta orgogliosa vede la figlia con le scarpe.

Figlia figlia vai a ballare, mamma, mamma non ci posso andare perché mi manca la mutanda e non posso comparire, risponde il monaco la mutanda te la do io e la mamma tutta orgogliosa vede la figlia con la mutanda.

Figlia, figlia vai a ballare , mamma ,mamma non ci posso andare mo mi manca la sottana e non posso comparire. Risponde il monaco la sottana te la do io e la mmamma tutta orgogliosa vede la figlia con la sottana.

Figlia , figlia vai a ballare, mamma, mamma non ci posso andare mo mi manca il marito e non posso comparire. Risponde il monaco il marito lo faccio io e la mamma tutta orgogliosa vede la figlia maritata.

VERSIONE – DIALETTO

Fai pì ma sta donni

Ma ccomi l’eja  fai pì ma sta donne

Ah di rose l’eja fa, di rose l’eja fa

Di rose l’eja fa nu bel giardini

L’eja fai nu bel giardini

Di rose l’eja fa nu bel giardini

Ntorni p’intorni l’ei, ntorni p’intorni l’ei

Ntorni p’intorni l’ei nnammurate

L’eje nnammurate

Ntorni p’intorni l’ei nnammurate

Di preta priziose, di preta preziose

Di preta priziose e ori fine

Preziose e ori fine

Di preta priziose e ori fine

Mmezzi ce l’eja cavà ‘na , mmezzi ce l’eja cavà ‘na

Mezzi ce l’eja cavà’na  brava funtane

Na brava funtani

Mmezzi ce l’eja cavà ‘na brava funtani

J’eja fa corri l’acqua, j’eja fa corri l’acqua

J’eja fa corri l’acqua sorgentini

Corri l’acqua sorgentini

J’eja fa corri l’acqua sorgentini

Sopi ce l’eja metti na, sopi ce l’eja metti na

Sopi ce l’eja mett n’aucell a cantai

N’aucell a cantare

Sopi ce l’eja metti  n’aucell a cantai

Cantave e ripusavi, cantave e ripusavi

Cantave e ripusavi bella dicevi

Ripusavi bella dicevi

Cantave e ripusavi bella dicevi

Pi voi so diventati, pi voi so diventate

Pi voi so diventati n’aucell

E cantava li bilizz, cantava li bilizz

Cantava li bilizz di questa donn

Blizze di questa donna e là

Vola e va ti vojo bene e non lu sa

Si bene non ti voleve a cantà non ti vnev

Bene t’ai volute a cantà t’so venut

Vola bella cinquecent so li stell

Da quand m’ai amat tu m’par la chiu bell (x3)

VERSIONE – ITALIANO

Come devo fare per amare questa donna

Oh come devo fare per amare questa donna

Di rose devo fare, di rose devo fare

Di rose devo fare un bel giardino

Devo fare un bel giardino

Di rose devo fare un bel giardino

Tutto intorno a Lei, tutto intorno a Lei

Tutto intorno a Lei per farla innamorare

Lei innamorata,

tutto intorno a lei per farla innamorare

di pietre preziose, di pietre preziose

di pietre preziose e oro fino

Preziose e oro fino

Di pietre preziose e oro fino

In mezzo ci metto, in mezzo ci metto

In mezzo ci metto una bella fontana

Una bella fontana,

in mezzo ci metto una bella fontana

devo far scorrere l’acqua, devo far scorrere l’acqua

devo far scorrere l’acqua della sorgente

Scorre l’acqua della sorgente

Devo far scorrere l’acqua della sorgente

Sopra ci metto, sopra ci metto

Sopra ci metto un uccello a cantare

Un uccello a cantare,

sopra ci metto un uccello a cantare

cantava e riposava, cantava e riposava

cantava e riposava bella diceva

Riposava bella diceva

Cantava riposava bella diceva

Per voi sono diventato, per voi sono diventato

Per voi sono diventato un uccello

E cantava le bellezze, cantava le bellezze

Cantava le bellezze di questa donna.

Bellezze di questa donna e va

Vola e va ti voglio bene e non lo sai,

se bene non ti volevo a cantare non venivo,

bene ti ho voluto ed a cantare son venuto

vola bella cinquecento sono le stelle,

da quando mi hai amato tu mi sembri la più bella (x3)

VERSIONE – DIALETTO

Tarandelle dimme arrete dimme tu che m’ha rumese scive apprime nande e drete pe feccarte inde a li chèse isse steve nande la porte iesse steve a pide u litte, tarantelle non si morte, tarantelle tarandà.

L’ucchie nere e u nèse fine chjù la guarde e chjù l’ammire quanne abballe si cchjù belle tarantelle tarandà.(2volte)

Nà chèpe a nocche a nocche na vandere a passamene mo c’attande e mo ce tocche li spatusce a filagrene. Cinde anidde inde a li dete cinde susse a roccocò li chianidde arracamete tarantelle tarandà.

Jamme iamme la tarandelle……

Lasciatela ballà, lasciatela ballà, lasciatela ballà sti doije zetelle che tenene la tarante che tenene la tarante sotta a li pede.

Nu jurne me ne jette, nu jurne me ne jette, nu jurne me ne jette inde a lu junne, truvej na gatta morte, truvej na gatta morte, truveje na gatta morte che pavure me fece pigghjà.

Ianna ianne, ianna ianne,ianna ianne ficchete sotte la capanne e se la capanne chiove, e se la capanne chiove, se la capanne chiove ficchete sotte e non te move.

I madonne se venghe addà, i madonne se venghe addà, madonne se venghe addà che dammagge che agghja fa t’agghja rombe la trumbette non l’agghja fa chjù sunà t’agghja rombe u pisciature non t’agghja fa chiù piscià.

We, we li, we, we li, we, we li che me ne fazze de te mo ie, mo te fazze a nappine e t’appenne a lu cuscine, mo te fazze a salviette strisce casse e culennette, vola e va, vola e va, vola e va i giuvene belle hanna cambà li brutte hanna murì e li belle hanna cambà vicchie e giuvene c’hanna semba maretà vicchie e giuvene c’hanna semba maretà, vicchie e giuvene c’hanna semba maretà, vicchie e giuvene c’hanna semba maretà.

VERSIONE – ITALIANO

Tarantella dimmi ancora dimmi tu che mi hai rimasto, andavi prima avanti e dietro per entrare nelle case.

Lui era davanti la porta lei era da piedi al letto,tarantella non sei morta tarantella tarantà.

Gli occhi neri il naso fine, più ti guardo e più ti ammiro, quando balli sei più bella tarantella tarantà.

Una testa ben ornata, un grembiule per le mani, mo si sfiora e mo si tocca i fermagli a filigrana, cento anelli fra dita, cento collane d’oro le ciabatte ricamate, tarantella tarantà.

Lasciatele ballare, lasciatele ballare, lasciatele ballare ste due zitelle che tengono la taranta, che tengono la taranta sotto il piede.

Un giorno me ne andai, un giorno me ne andai nel Rione Iunno, trovai una gatta morta e che paura mi fece prendere.

Ianna ianna vieni sotto la capann, e se sotto la capanna piove restaci e non ti muovere.

Mamma se vengo la che danno che farò, ti romperò la trombetta e non ti farò più suonare, ti rompero il water per non farti più pisciare.

We, we, li che ne faccio ora di te, ti faccio a nappina e ti appendo al cuscino, ti faccio a fazzoletto pulisci cassapanca e comodino.

Vola e va, vola e va, i bei ragazzi devono vivere, i brutti ragazzi devono morire,vecchi e giovani si devono sempre sposare.

VERSIONE – DIALETTO

A neve a’ li muntagn

U virne c’avvicine

Mamm quande fa fridde

Senza na cumbagnje

 

Rit: sighere ce vole u sighere

Ce vole a tazze d’ lu cafè

‘inda a li linzole

Lu core mij te lu deng a te (x2)

 

Dimme chi te la rotta

Tazze buccjre e chiechere

Dimme ti che la rotta

E fattla sana

 

Rit: sighere ce vole u sighere

Ce vole a tazze d’ lu cafè

‘inda a li linzole

Lu core mij te lu deng a te (x2)

 

Dimme chi te la rotta

La curuncine d l’avre

Dimme chi te la rotta

E fattla paja

 

Rit: sighere ce vole u sighere

Ce vole a tazze d’ lu cafè

‘inda a li linzole

Lu core mij te lu deng a te (x2)

 

U piatt da vulive

Nu buccrucce de vinj

‘Inda sta casa lundane

pe tutt l’armunij

 

 Rit: sighere ce vole u sighere

Ce vole a tazze d ’lu cafè

’inda a li linzole

Lu core mij te lu deng a te (x4)

VERSIONE – ITALIANO

La neve sulle montagne,

l’inverno si avvicina,

mamma quanto fa freddo

senza una compagnia

 

RIT: Sigaro ci vuole il sigaro

Ci vuole la tazza del caffè

Dentro le lenzuola

Il cuore mio lo dono a te

 

Dimmi chi te la rotta

Tazza, bicchiere e tazzine

Dimmi chi te la rotta

E fattela sanare

 

RIT: Sigaro ci vuole il sigaro

Ci vuole la tazza del caffè

Dentro le lenzuola

Il cuore mio lo dono a te

 

Dimmi chi te la rotta

La coroncina d’alloro

Dimmi chi te la rotta

E fattela pagare

 

RIT: Sigaro ci vuole il sigaro

Ci vuole la tazza del caffè

Dentro le lenzuola

Il cuore mio lo dono a te

 

Il piatto delle olive

Un bicchierino di vino

Dentro questa casa lontana

E’ tutta un’armonia

 

RIT: Sigaro ci vuole il sigaro

Ci vuole la tazza del caffè

Dentro le lenzuola

Il cuore mio lo dono a te

VERSIONE – DIALETTO

Au pr’sepij di Ninucc

C stej u vov senz u ciucc

U Bommin p nu vrazz

E na picch d pupazz

San G’sepp e la Madonn

Non g capisc qual sonn,

Pcchè au pr’sepji di Ninucc

Sen è sol la pch’rucc

Quann ven u Natel

Appicc u stuzz d la cannel

Au bommin jnd la grott

P nu poch d pagghj sott

Senza re Magg, senza stell

Ma p Ninucc tutt è bell

U bommin p nu vrazz

E i cingh o sej pupazz

Che, ques tutt senza chep,

chi sonn nsciun u sep

Non ej u pr’sepij du Cummend

Ma Ninucc è assej cundend

Che ogn ann, fnut d farl

Chjem l’amic a vs’tarl (x2)

Pr’sepij povr’r, uagnun flic

 

E u bommin u bn’dic                            ppchè è net in puv’rtà

U bn’dic chjù d tutt                            trov com puterl adurà

S p poch pupazz rutt                          pu bommin c’amma salvà

VERSIONE – ITALIANO

Al presepe di Ninuccio

Ci sta il bue senza l’asino

Il bambino con un braccio

E un poco di pupazzi

San Giuseppe e la Madonna

Non si capisce quali sono

Perché al presepe di Ninuccio

Sana è solo la pecorella.

Quando viene Natale

Accende il pezzo della candela

Al bambino nella grotta

Con un poco di paglia sotto

Senza Re magi e senza stella

Ma per Ninuccio tutto è bello

Al bambino con un braccio

E i cinque sei pupazzi

Che quasi tutti senza testa

Chi sono nessuno lo sa.

Non è il presepe del convento

Ma Ninuccio è assai contento

Che ogni anno finito di farlo

Chiama gli amici a visitarlo (x2)

Presepe povero e bambini felici

 

E il bambino lo benedice                              perché è nato in povertà

Lo benedice più di tutti                               trova come poterlo adorare

Se per pochi pupazzi rotti                           con il bambino dobbiamo salvarci

VERSIONE – DIALETTO

Mechele cambesande ce i porte a tutte quande, ce i porte alla banghine e i feie sendì ù manduline

I migghiere di merechene non ce mangene chiù i patene, ce mangene la pasta fine pe zeccarle ammizze u vine.

All’Amereche, all’Amereche ù cafone pe la sciammereche, se l’artiste ù sapeve all’Amereche non ce sceve, la migghiere du merechene veje alla messe pe sette suttene, ce n’genocchje e preghe a Dije manne denere marite mije.

I quattrine che m’è mannete me l’agghje frechete pù n’ammurete, me l’agghje frechete alla bona salute manne denere curnute futtute.

Mechele cambesande ci porte a tutte quande, ci porte alla banghine e i fei sendì u manduline. I migghiere di merechene non ce mangene chijù i patene ce mangene la pasta fine pe zeccarla mizze u vine. Ce mangene la pasta fine pe zeccarla mizze u vine.

VERSIONE – ITALIANO

Michele camposanto se li porta tutti, se li porta alla banchina e gli fa sentire il mandolino. Le mogli degli americani non mangiano più le patate ma mangiano la pasta ci sta meglio col vino.

In America il cafone porta la giacca, se l’artista lo sapeva all’America non ci andava, La moglie dell’Americano va alla messa con sette sottane si inginocchia e prega a Dio, manda denaro marito mio.

I soldi che mi hai mandato me li sono finiti con il mio amante, li ho finiti alla buona salute manda denaro cornuto fottuto.

Michele camposanto se li porta tutti alla banchina e fa sentire il mandolino, le mogli degli americani non mangiano le patat ma la pasta ci sta meglio con il vino.

VERSIONE – DIALETTO

Ie meja nzurè na figghje a mamme m’eja pigghiè ma tenghe na malatie non me piece la fatiche, ma tenghe na malatie non me piece la fatiche.

Ce steje na giovena bbelle a mamme i feie la sendenelle u patre peggie angore non la feje assì la chepe dafore, u patre peggie angore non la feie assì la chepe da fore.

L’eie fatte la serenete e marie c’è faccete e quanne c’è faccete nu fiore mo menete, e quanne c’è faccete nu fiore mo menete.

Maria ,marì tu m’ha ditte si, a te m’eja pigghiè amma vedè comme amma fè.

Hai fatte na penzete e indre so menete, quanda botte m’hanne dete che non l’eje chiù sfiurete. Quanda botte m’hanne dete che non l’eje chjù sfiurete.

Se ie m’eja nzurè la massarie m’avita dè s’amma fè pure u festine m’avita dè pure u velline, s’amma fè oure u festine m’avita dè pure u velline.

Madonne e comme eia fè quessa storie è brutta asseje m’ho prumisse la massarie e mo me trove pe la fatiche, m’ho prumisse la massarie e mo me trove pe la fatiche.

La fatiche ce chieme che cozze e non m’engozze e non m’engozze se megghje lu vuje sapè la fatiche me feje murì, se megghje lu vuje sapè la fatiche me feje murì.

La fatiche ce chieme che cozze e non m’engozze e non m’engozze, la fatiche ce chieme che cozze e non m’engozze e non m’engozze, la fatiche ce chieme che cozze e non m’engozze e non m’engozze.

VERSIONE – ITALIANO

Io mi devo sposare e mi devo scegliere una ragazza di buona famigli ama ho una malattia non mi piace lavorare.

Ce una bella ragazza la mamma la tiene sotto controllo il padre peggio ancora non la fa uscire fuori dalla porta.

Le ho fatto la serenata, Maria si è affacciata e quando si è affacciata mi ha lanciato un fiore.

Maria, Maria tu mi hai detto si, a te mi sposerò dobbiamo vedere come fare.

Ho pensato all’improvviso e in casa sono entrato tante botte mi hanno dato che non l’ho più sfiorata.

Se mi devo sposare la masseria mi dovete dare, e se dobbiamo fare anche la festa mi date anche la villa.

Madonna come faccio questa storia non mi piace mi hanno promesso la masseria e adesso mi tocca lavorare.

Il lavoro si chiama zucca non mi piace, non mi piace, se vuoi saper di più il lavoro mi fa morire.

YOUTUBE

Vuoi acquistare l'album?

CONTATTACI